La couperose che cos’è e come combatterla

È sempre più frequente vedere persone affette da couperose, un vero e proprio inestetismo che colpisce soprattutto la pelle del viso causando non pochi disagi estetici. Nel tempo la couperose può anche diventare una vera e propria patologia, detta acne rosacea, per questo motivo è bene conoscerne l’origine e prevenirla.
Vediamo ora insieme nel dettaglio cosa è questo inestetismo e come curarlo con trattamenti specifici e rimedi naturali.

Cos’è la couperose?

La couperose è una lesione cutanea che interessa soprattutto il viso, in particolare la zona compresa tra gli zigomi, le guance ed il naso. Essa è essenzialmente un problema patologico che causa non pochi disturbi anche estetici, perché si presenta come un arrossamento intenso, causato dalla dilatazione dei vasi sanguigni.

Questo disturbo colpisce perlopiù le donne dopo i trent’anni, generalmente si manifesta in soggetti dalla cute delicata e particolarmente sensibile.

I sintomi della couperose si manifestano sotto forma di una sensazione di bruciore e calore diffuso nella zona arrossata, che tende ad intensificarsi in concomitanza con sbalzi climatici o in caso di forti emozioni.

La manifestazione di questi sintomi può essere considerata una conseguenza di un processo infiammatorio momentaneo, ma può anche diventare cronica. Nel tempo, in seguito alla frequente dilatazione dei capillari, questi perdono elasticità fino a diventare visibili in maniera permanente sulla cute.

Pur trattandosi di un disturbo che interessa perlopiù il lato estetico, la couperose non è da sottovalutare, infatti essa nel tempo può evolvere diventando una vera patologia dermatologica più invasiva, conosciuta come acne rosacea.

Questo disturbo cronico associa al rossore e all’infiammazione anche pustole, derivate dall’infiammazione dei follicoli dei peli.

Cause

Ad oggi esperti e scienziati non sono ancora riusciti a trovare un fattore specifico che causa la couperose, infatti le cause scatenanti sembrano essere varie e di diversa natura.

Sicuramente la predisposizione genetica è un fattore predominante nella comparsa dei disturbi, alcuni studiosi associano alla couperose anche certe disfunzioni ormonali che vanno ad aumentare il livello di cortisone presente nel sangue.

Sicuramente si è notato che i soggetti sottoposti a frequenti e repentini sbalzi di temperatura sono più predisposti nello sviluppare lesioni nel microcircolo appena sotto l’epidermide, ma anche una forte e continua esposizione ai raggi solari genera questo tipo di danno.

Inoltre, sono stati individuati dei fattori che aumentano il rischio della comparsa dei sintomi della couperose come:

  • Abuso di alcolici, essi infatti vanno ad aumentare l’espulsione di sostanze tossiche attraverso le cellule dell’epidermide generando danni alla microcircolazione.
  • Carenza di vitamina C
  • Una dieta scorretta, caratterizzata dall’abuso di spezie.
  •  Cause emozionali, che hanno un effetto vasodilatatore.

Trattamenti e prevenzione

La couperose può essere trattata sin dalle prime fasi eliminando tutti quei fattori di rischio che portano allo stato infiammatorio, sicuramente il proprio medico potrà suggerire dei trattamenti mirati per il singolo caso.

È buona abitudine abbandonare l’uso di creme, cosmetici e lozioni troppo aggressive che vanno a causare danni all’epidermide, orientandosi verso creme antiinfiammatorie e disinfettanti.

Anche per quanto riguarda il trucco è preferibile ricorrere a prodotti con ingredienti delicati, preferibilmente naturali, che offrono sia coprenza nei periodi di infiammazione ma anche un sollievo per la pelle, provvedendo all’idratazione e alla corretta traspirazione.

Esistono inoltre in commercio alcuni trattamenti laser specifici per combattere gli inestetismi della couperose, tuttavia va sempre consultato il parere medico prima di ricorrere a qualsiasi soluzione.

La prevenzione in questo disturbo svolge un ruolo fondamentale, soprattutto per evitare evoluzioni che portano alla couperose rosacea. È essenziale avere uno stile di vita sano ed equilibrato, con una alimentazione ricca di antiossidanti e frutti rossi, che aiutano a rinforzare il microcircolo e rendono più forti i capillari.

La cute va sempre protetta dai raggi del sole, ma anche dal freddo e dal vento che possono causare un sensibile peggioramento dello stato infiammatorio.

Rimedi Naturali
Un valido aiuto per combattere i fastidi ed i rossori della couperose è offerto dalla natura, esistono infatti delle creme naturali che influiscono positivamente sul microcircolo, generando sollievo e provvedendo alla protezione alla pelle del viso.

Basta rivolgersi ad un erborista con esperienza e preparazione, in modo da trovare il rimedio naturale più indicato per le proprie esigenze.

Tenendo ben presente che la couperose va a sensibilizzare i vasi capillari, bisogna agire con ingredienti naturali che contrastano positivamente questo fenomeno, calmando il rossore a livello locale.

Per svolgere questa azione calmante esistono alcuni oli, come l’ippocastano, la borragine e la rosa mosqueta, che massaggiati localmente donano subito sollievo.

Ecco una lista di ingredienti ad azione anti-couperose alla base delle creme naturali, che danno sollievo e svolgono una azione anti-rossore:

  • Aloe Vera: questo particolare gel può essere presente all’interno di una buona crema ma può anche essere utilizzato da solo, semplicemente applicandolo sulla zona interessata del viso, per svolgere la sua azione antiinfiammatoria che va ad agire subito sul rossore.
  • Camomilla: dalle note proprietà antiinfiammatorie, va a calmare e a lenire la zona arrossata.
  • Ippocastano e Vite rossa: sono in grado di svolgere una azione rinforzante sui capillari, rendendoli più elastici.
  •  Calendula e Malva: con la loro funzione antiinfiammatoria vanno a lenire la parte interessata da rossore e bruciore, donando sollievo immediato.

Autore dell'articolo: Stefy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *