Quali sono i benefici degli estratti e centrifugati di frutta e verdura?

La differenza tra centrifugato ed estratto

Consumare frutta e verdura fresca è un vero toccasana per la salute, perché ci permettono di fare il pieno di vitamine e sali minerali.

Negli ultimi anni però il nostro modo di consumare questi alimenti sta cambiando, e nelle nostre cucine stanno iniziando ad essere sempre più presenti centrifughe ed estrattori per la preparazione di bevande a base di frutta e verdura fatte in casa.

La centrifuga è in realtà diffusa già da parecchi anni, soprattutto nei bar e nei locali in cui servono bevande a base di frutta.

In questo elettrodomestico un carrello interno gira ad alta velocità (proprio come quello della lavatrice) e sfruttando la forza centrifuga, la parte fibrosa della polpa dei frutti e della verdura viene separata meccanicamente dalla parte liquida.

Il vantaggio sta nel poter estrarre succhi anche da quegli alimenti, come mele, banane, pere, che non possono essere spremuti, così come dalle verdure.

Uno dei maggiori difetti contestati alle centrifughe sta nella possibilità che durante la rotazione si generi calore e venga incorporata aria, con il rischio quindi di ossidazione o degradazione delle sostanze nutritive.

Un altro inconveniente in cui talvolta si può incorrere con l’utilizzo della centrifuga è che la quantità di polpa estratta è poca,e quindi il centrifugato tende a separarsi in due fasi, una più liquida contenente solo acqua, ed una più densa.

Un estrattore lavora invece ad una velocità molto minore, riuscendo a produrre un succo che contiene più del doppio delle vitamine di un centrifugato e con una quantità di succo nettamente maggiore.

Inoltre con l’estrattore vengono estratte anche le sostanze nutritive presenti in semi e buccia.

Perché scegliere estratti e centrifugati di frutta e verdura

consumare centrifugati estrattiTutti gli studi più recenti confermano che il consumo regolare di frutta e verdura è indispensabile per apportare al nostro organismo le vitamine ed i sali minerali di cui abbiamo bisogno.

In inverno, ad esempio, il consumo di alimenti vegetali ricchi di vitamina C ci aiuta a rinforzare il nostro sistema immunitario. In estate invece frutta e verdura ci aiutano a reintegrare vitamine e sali minerali persi con l’aumentata sudorazione ed aiutano a mantenersi idratati grazie all’alto contenuto di acqua.

Il consumo di vegetali freschi e non sottoposti a cottura è utile anche in tutti quei casi in cui sia richiesto un aumentato apporto di determinati nutrienti, come ferro ed acido folico nel caso di anemia.

Il consumo di queste bevande aiuta inoltre l’organismo a depurarsi, in particolare dopo periodi in cui si è avuta un’alimentazione scorretta o disordinata o abbiamo seguito terapie farmacologiche.

Le linee guida per l’alimentazione indicano che dovremmo consumare almeno 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, alternando più possibile soprattutto tra prodotti di diversi colori, che apportano nutrienti differenti.

Lo stile di vita, un’agenda piena di impegni, il lavoro o lo studio, e lo stress che ne derivano, ci portano spesso a non consumare adeguate quantità di frutta e verdura.

La cottura e la preparazione infatti a volte portano via troppo tempo, e non sempre si ha modo di mangiare a casa.

Per questo motivo centrifugati ed estratti possono spesso essere una valida alternativa: la preparazione è rapida, e possono essere consumati anche fuori casa, ad esempio camminando o in auto.

Ma i vantaggi non finiscono qui: questi elettrodomestici infatti riescono ad estrarre i nutrienti anche da quelle parti della frutta e della verdura che di solito non sono edibili, come buccia, semi e gambi, che però sono spesso la parte più ricca di nutrienti.

Alcuni semi ad esempio, sono ricchi di resveratrolo e acido ellagico che hanno proprietà antitumorali, tocoferolo, noto per la sua azione di protezione sul sistema cardiovascolare, e acido linoleico che aiuta a ridurre il colesterolo.

A differenza dei succhi di frutta in commercio, gli estratti ed i centrifugati preparati a casa non contengono conservanti e coloranti, possono essere preparati senza l’aggiunta di zuccheri e preparati con la combinazione di alimenti che preferiamo.

Essendo privi di fibra, queste bevande sono molto più digeribili: se per la digestione di un frutto servono infatti 2-3 ore, per un estratto questo tempo di riduce a solo 15 minuti.

Ma uno dei maggiori benefici tratti dal consumo di centrifugati ed estratti è il maggior apporto di nutrienti: l’assorbimento delle vitamine e dei sali minerali contenuti nelle frutta e nella verdura è di solito solo del 17%, mentre se consumati sotto-forma di centrifugato o estratto, l’assorbimento aumenta fino al 65%.

È chiaro quindi che questi metodi ci permettono di assimilare meglio i nutrienti di cui abbiamo bisogno.

Consigli per il consumo di centrifugati ed estratti

Sebbene il consumo di estratti e centrifugati sia un vero toccasana per il nostro organismo, è bene tenere a mente alcuni accorgimenti: frutta e verdura vanno sempre lavati bene ed a lungo prima di essere utilizzati, soprattutto se si ha intenzione di utilizzare anche la buccia.

In questo caso è preferibile l’impiego di alimenti bio, che vengono coltivati senza l’impiego di pesticidi e sostanze chimiche.

È sempre bene scegliere frutta e verdura di stagione e freschi, che sono più ricchi di vitamine e sali minerali ed i preparati vanno consumati entro pochi minuti dalla preparazione per evitarne l’ossidazione.

Inoltre, per assorbire al massimo le sostanze nutritive, è consigliabile consumarli da soli, e non in combinazione con altri alimenti: piuttosto che a fine pasto quindi, è preferibile consumarli come spuntino di metà mattina o nel pomeriggio.

L’elettrodomestico utilizzato va lavato subito dopo l’utilizzo, per preservarne la funzionalità ed impedire l’accumulo di sostanze fibrose. Sebbene siano ricchi di sostanze nutritive, questi preparati sono privi di fibre.

Questo non li rende particolarmente indicati nel caso di stipsi: in questo caso è consigliabile integrare nell’arco della giornata anche alimenti interi.

Autore dell'articolo: Stefy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *